mercoledì 13 marzo 2013

Creatività all'Opera!!

Siete mai stati all'opera? E soprattutto siete rimasti affascinati da ciò che indossavano i cantanti che non dalle loro doti canore? State tranquilli, è naturale che accada, soprattutto se gli abiti sono stati creati da celebri ideatori della moda internazionale. Come questo, realizzato da Viktor & Rolf per Der Freischütz andato in scena a Baden Baden nel 2009. 

la soprano Juliane Banse

una scena dell'opera "Der Freischütz" di von Weber

I due stilisti hanno esasperato i significati dell'opera, simbolo del Romanticismo tedesco, inserendo note grottesche e surreali. Una scelta un po' azzarda, lontana anni luce dalle scelte fatte nella storia della lirica. 
A ciò si è aggiunto il disappunto da parte dei melomani alla notizia che i due fashion designer non erano dei veri appassionati del genere; li aveva attirati l'esperienza. 
La regia è stata accusata di averli scelti per avere più pubblicità e apparire "alla moda", mentre ai due stilisti di non avere le conoscenze per affrontare un compito del genere. 
Sono passati alcuni anni da quell'esperimento e ben poco è mutato nello scenario della lirica: guai a mescolare i generi o a cercare diversi linguaggi espressivi, gli esperti non perdonano di certo.
Un vero e proprio rifiuto del nuovo, intenzione di impedire qualsiasi contaminazione. Un vero campo minato. 
Il fenomeno non intende svanire anche perché per comunicare con un pubblico più ampio, bisogna parlare linguaggio diversi, contemporanei e, collaborare con coloro che quel linguaggio lo hanno creato, è un'ottima soluzione. 

una scena di Der Freischütz diretta da Bob Wilson



Uno degli eventi del 2010 più interessanti del panorama lirico è stato Attila di Giuseppe Verdi messo in scena al Metropolitan di New York con la direzione del grande Riccardo Muti e con i costumi di Miuccia Prada. E' riuscita a creare dei costumi tra l'apocalittico e il post-industriale inserendo anche dei dettagli legati alle sue collezioni passate








Diversa è la situazione con il balletto classico e si è potuta verificare all'annuale galà del Met dedicato a Valentino Garavani. Per l'occasione, lo stilista ha creato anche i costumi giudicati meravigliosi da tutti, ma secondo alcuni troppo appariscenti. In sintesi, i ballerini più che ballare, hanno sfilato sul palco. Un errore di poco conto ma che non fa cambiare l'opinione dei critici: lasciate fare a chi ne sa. 
C'è qualche eccezione che fa sperare. Ultima "commistione" in ordine temporale è stata quella sperimentata dalle sorelle Kate e Laura Mulleavy, fondatrici di Rodarte e neo-costumiste per Don Giovanni di Mozart, in scena alla Disney Concert Hall di Los Angeles questa primavera. Il risultato è meno discutibile degli altri poiché è il loro stesso stile che ha una notevole teatralità ben lontana dalla moda: sono delle vere outsider e si nota. 

Aga Mikolaj nella parte di Donna Elvira nel "Don Giovanni"

Le stiliste hanno lavorato un anno senza perdere di vista musica, trama e personaggi: "i costumi servono a raccontare una storia", sostengono le creatrici. Poi si evince la loro visione, con gli abiti "guastati" dalla violenza degli avvenimenti, che si scompongono con il procedere dell'opera. Reazioni positive dalla maggior parte degli spettatori, i quali hanno apprezzato la spettacolarità e  l'aderenza alla storia, anche se qualcuno ha evidenziato che diversi capi avrebbero fatto furore in passerella: come dagli torto?


due scene del "Don Giovanni" di Mozart





  

  

  La Pinta*






Immagini da: 

www.operaplus.cz
www.arte.tv
www.metoperafamily.org 
www.nmz.de
www.giornaledellamusica.it
www.delood.com
www.venezuelasinfonica.com

19 commenti:

Penelope ha detto...

Non sono mai stata all'opera, ma i costumi e le scene che hai selezionato sono davvero stupendi.
Non pensavo che la critica fosse così dura sul genere dei costumi!! Imparo sempre qualcosa di nuovo :)



Greta

NEW POST

Follow me on IL FILO DI PENELOPE
Facebook

Guy Overboard ha detto...

Secondo me l'ambito del costume di scena ti permette di sperimentare in un modo che neanche l'alta moda. la prima foto è semplicemente un quadro d'arte, bellissimo!

L'Éclat De La Mode ha detto...

Invece a mio parere la contaminazione tra teatro, opera, balletto e moda produce ottimi risultati. Anche un abito di scena realizzato in un certo modo e con certe caratteristiche può dire molto del personaggio che si porta in scena.

http://leclatdelamode.blogspot.com

Anthea F ha detto...

Wow! Bellissime immagini!

Greta Miliani ha detto...

Purtroppo non sono mai stata all'opera, ma mi piacerebbe andarci anche per i costumi, che mi hanno sempre intrigato, incuriosito e affascinato al pari del canto.
Questi proposti nelle immagini sono davvero 'drammatici' e d'effetto!

baci,
G.
In Moda Veritas fashion blog
IMV su Facebook
IMV su Bloglovin'

Maryfashion ha detto...

Bel post! A mio parere questi esperimenti tra opera e moda possono essere davvero interessanti!Le immagini che hai selezionato ne sono la prova ;)
nhttp://thewindowofmaryfashion.blogspot.it/2013/03/talking-about-scontioutletcom.htmluovo post

Baci
The window of Maryfashion

mary g ha detto...

mi piacerebbe andare all operaaaa

http://modaemacarons.blogspot.it/2013/03/scontioutletcom-tutto-un-altro-shopping.html

mary g ha detto...

mi piacerebbe andare all operaaaa

http://modaemacarons.blogspot.it/2013/03/scontioutletcom-tutto-un-altro-shopping.html

Lisa C. ha detto...

Come mi piacerebbe andare all'opera!!!

Mia ha detto...

Impossibile non rimanere incantati guardando questi abiti :D



Baci ♥
BecomingTrendy

Coffe Break ha detto...

Adoro i costumi di scena! :)

NEW POST ON MY BLOG

COFFE BREAK – FASHION BLOG on Facebook

Rossella Padolino ha detto...

adoro lap rima foto!
Follow
thefashiontwice.com
facebook page
Win a $30 Coupon to spend on CHICNOVA!L

Anna ha detto...

wow! che costumi di scena spettacolari!
purtroppo non sono mai stata all'opera, ma mi piacerebbe!

http://diamantisulsofa.blogspot.it/

Paola StyleandLifestyle ha detto...

Mi vergogno ad ammetterlo ma all'Opera non ci sono ancora mai stata. Ho già chiesto a mio marito di portarmici, ho voglia di una serata speciale! Belle le foto dei costumi!

the chilicool ha detto...

Molto bello questo tuo post.
Alessia
THE CHILI COOL
FACEBOOK
Video outfit YOUTUBE
Kiss

Daniela ha detto...

I costumi di scena sono delle vere e proprie opere d'arte. Moda e arte si fondono insieme!
Daniela
kaosmagazine.it

Francesca Romana Capizzi ha detto...

Secondo me bisogna invece accettare l'innovazione, a me piace!
Don't Call Me Fashion Blogger
Facebook
Bloglovin'

Entrophia | Behind Green Eyes ha detto...

Ciao Giulia, io purtroppo non sono mai stata all'Opera ma mi piacerebbe moltissimo, non lo nego. Stupendo post, come sempre. Spesso ti leggo ma non ho poi il tempo per commentare, scusami. Grazie per visita e commento ♥

Francesca Chiara ha detto...

Bellissimi costumi !!!
Da me giveaway ! Ti aspetto!!!

Firmoo Giveaway in collaboration with The Shocking Radiance
The Shocking Radiance