martedì 14 ottobre 2014

Il nostro mondo parallelo chiamato borsa


Una volta qualcuno disse che se guardi nella borsa di una donna puoi capire tante più cose legate alla vita, alla sua personalità che non capiresti frequentandola semplicemente.
Non so se crederci o meno a questa leggenda metropolitana fatto sta che nell’immaginario collettivo e in particolare in quello maschile, la donna viene sempre immaginata insieme ad un oggetto da portare a passeggio, neanche fosse un razza canina di alto livello: la borsa.

BOYY

Nina Ricci

Michael Kors

Giuseppe Zanotti

Per gli uomini è vista come un mero strumento altamente funzionale, quasi sempre inutile, che crea impaccio, difficoltà. Per la donna è un mondo parallelo, uno star gate da quale, una volta entrati, difficilmente ci accorgiamo la reale necessità delle cose che abbiamo inserito. Così che diventano quasi delle performance, cariche di espressività e originalità che qualche artista ha pensato bene di elevare a protagoniste dei propri lavori. Uno fra questi è Hans Peter Feldmann, il quale ha svuotato dei contenuti di diverse borse in delle teche di vetro e li ha magistralmente esposte in una galleria di Londra riscuotendo un successo non indifferente.



Uno striptease dell’anima femminile fatto di occhiali, scarpe, carte di credito, tappi per le orecchie, scontrini inutili, biglietti da visita. Lo stesso artista ha affermato <<Ricordo mia madre e la sua borsa. Guardarci dentro rappresentava un rigoroso tabù>>.
Anche un fotografo italiano ha fatto un’analisi antropologica delle borse; Francesco Franzetti ha catturato l’interno di diverse borsette di quattordici donne tra i 22 e gli 88 anni: cappelli di lana, pacchetti di sigarette, telefoni, guide stradali, pillole varie.



Tra le attrici, c’è chi vive accumulandole: come Valeria Solarino.
<<Amo i formati maxi perché ci metto di tutto, anche cose inutili. Ho la custodia degli occhiali ma poi li tengo fuori. Oppure conservo un mazzo di chiavi di una casa che ho lasciato due anni fa. E ancora biglietti del cinema usati, pacchetti di gomme vuoti>>.  



Per una come lei lo shock è rappresentato da pochette et simili. << Le "borsine" mi danno molto fastidio, o meglio mi piacciono ma spesso non ci sta neppure il telefono e così ricorro alle tasche e alle borse delle mie amiche o, in casi estremi, ne porto una seconda XXL >>.  



Un amore che non teme proprio concorrenti. 
<< Preferisco le borse ai vestiti, sono felice quando me  le regalano ma scelgo io il modello >>.
Ma parliamo un po’ di noi comuni mortali? Metto a nudo quello che di solito contiene la mia borsa.


Non è gran che ma, vi assicuro che, essendo una che non sta mai ferma non amo girare con le bisacce.
Inoltre lancio una sfida e chiedo a voi followers, amanti della moda, della cultura, di fotografare il contenuto della vostra borsa e di postarmelo come commento cliccando su questo link https://www.facebook.com/isadorafashion/photos/a.122932864483183.22269.121994544577015/600077493435382/?type=1&theater

Quante di voi si sono dannate l’anima quando si accorgono di avere dimenticato qualcosa di estremamente importante (in quel dato momento) nell’altra borsa e mangiarsi doppiamente le mani per avere avuto la malaugurata idea di cambiare borsa? E’ matematicamente impossibile stare con la stessa borsa per tutto il giorno, o meglio, è impossibile per noi donne!

Barbara Bui

Chanel

Oscar de la Renta

Drien Van Noten 

Mulberry

Olympia Le Tan 



Ma il rossetto bordeaux in che borsa sarà rimasto?!


La Pinta* 

3 commenti:

Eleonora Milano ha detto...

In effetti hai perfettamente ragione, la borsa è fondamentale! Senza non è possibile stare, almeno per quanto mi rigurada!
Un bacione
Ti va di dare un'occhiata al mio ultimo post?
www.thelittleblondeme.blogspot.it

Alessia De Bonis ha detto...

Carinissimo questo articolo ricco di spunti :) geniale l'idea di fotografare il contenuto delle borse ed esporre in un museo. La borsa per me è una seconda casa, devo essere sincera non ne ho tantissime al contrario di scarpe e vestiti, in genere ne uso una abbastanza capiente e neutra per un lungo periodo così evito la scocciatura di dover cambiare borsa ogn volta, oppure se indosso un outfit particolare uso un mini borsellino con il contenuto indispensabile e lo sposto di borsa in borsa così da evitare di dimenticarmi qualcosa :D

♥ Alixia le chat gourmand



La Pinta ha detto...

Cara Alessia, tu si che hai capito tutto dalla vita!! ;) Io non faccio altro che cambiare borsa e devo stare attenta a non dimenticarmi nulla!! >.<